Quanti pianeti per i nostri consumi?

recupero materia

“Il nostro programma di lavoro che suggerisco nel contratto da offrire agli italiani: una legge verso #RifiutiZero. Viva il nostro Pianeta”.

Rossano Ercolini @zerowasteitaly al #sum2 di Ivrea.
L’intervento.

Riciclo plastiche eterogenee

L’attuale eccesso di raccolta differenziata di plastica, rispetto alle possibilità di assorbimento delle aziende di riciclo, non va risolto con l’incenerimento del plasmix (plastiche eterogenee), ma con nuovi metodi di lavorazione esistenti e già praticati. 

Infatti il recupero di materia è sempre superiore al recupero di energia

Leggete questa interessante intervista

http://ecodallecitta.it/notizie/387931/riciclo-delle-plastiche-eterogenee-tra-difficolt195160-e-prospettive-intervista-a-rossano-ercolini/

Suggerimenti per il piano d’ambito provincia SV

Logo GCR Liguria

OSSERVAZIONI del COORDINAMENTO LIGURE GCR su PIANO AREA OMOGENEA per GESTIONE RIFIUTI in PROVINCIA DI SAVONA

 

 

In quanto organismo competente in materia, essendo stato riconosciuto nella Consulta dell’ATO regionale rifiuti dalla legge 20 del 2015, ci sentiamo in dovere di intervenire sul rapporto preliminare alla VAS pubblicato il 16 agosto 2016.

Quindi, facendo seguito alle nostre osservazioni sul Piano regionale Rifiuti fin dalla sua prima presentazione nel 2013, e in base ai valori da noi condivisi della strategia verso rifiuti zero, espressi nella LIP RIFIUTI ZERO:

A: ci esprimiamo sui vari obiettivi indicati nel rapporto per il 2020

A1. Riduzione produzione RSU del 15%.

Riteniamo indispensabile ridimensionare la quantità di RSU, attualmente a livelli patologici: 640 kg pro-capite nel 2014.

Quindi riconosciamo come un buon segnale che a regime si prevedano circa 540 kg per abitante, riportando il dato su un livello “fisiologico”.

Anzi riteniamo possibile anticipare al 2018 tale traguardo, puntando per il 2020 a meno 20%, quindi 512 kg: infatti quando si elimineranno i cassonetti stradali in tutti i comuni, si avrà tale riduzione solo per l’eliminazione dei conferimenti impropri di rifiuti speciali (de-assimilazione di fatto).

 

Clicca QUI per visualizzare il documento in formato PDF

Continua a leggere

Rossano Ercolini a Imperia

ercolini fb def

Prosegue a ritmo sostenuto il Progetto m’IMporta, organizzato dal Cea (Centro di Educazione Ambientale) di Imperia e dall’Asd Monesi Young.


Il Progetto ambientalista, dopo i banchetti che hanno animato piazza San Giovanni nel capoluogo, nel mese di gennaio e febbraio scorsi al fine di sensibilizzare i cittadini di Imperia a fare al meglio la raccolta differenziata, propone un nuovo appuntamento con il contributo della Confcommercio e con il patrocinio di Regione, Provincia e il Provveditorato agli Studi.


Sabato 21 febbraio p.v., alle 17.30, la Sala Convegni della Biblioteca Civica Leonardo Lagorio di Imperia, ospiterà la presentazione del libro “Non bruciamo il futuro” di Rossano Ercolini.
Ercolini, che interverrà all’incontro, è un maestro elementare di Capannori, un piccolo comune del lucchese, e nel 2013 ha vinto il Goldman Environmental Prize, prestigioso premio ambientale che non veniva assegnato a un italiano dal 1998.


Rossano Ercolini ha dedicato gran parte della vita e della sua energia alla ricerca di alternative possibili all’attuale sistema di gestione e smaltimento dei rifiuti e attualmente è presidente dell’associazione Zero Waste Europe e Zero Waste Italy, per la diffusione della strategia Rifiuti Zero, a cui aderiscono 207 Comuni, tra cui anche Capannori.


“Non bruciamo il futuro” racconta come un maestro di scuola elementare è riuscito a vincere una delle più importanti battaglie degli ultimi tempi, quella contro gli inceneritori, trasformando il suo comune in un’eccellenza mondiale per la raccolta differenziata e la riduzione dei rifiuti urbani.

Rossano Ercolini a Finale L.: “la gestione dei rifiuti in Liguria è antiquata”

Rossano Ercolini

Rossano Ercolini

Cercando di scoprire in modo più approfondito lo stato di fatto della gestione dei rifiuti in Liguria ci siamo trovati di fronte a dati sconcertanti.

Secondo il rapporto ISPRA 2014:
– Percentuale di RD in Liguria si ferma al 31,5%, mentre in Italia è al 42,3%, nell’Italia settentrionale raggiunge il 54,4%, ci supera la Campania col 44%.
Noi siamo a metà dell’obiettivo di legge 65% nel 2012, ma ora ci pensa la Giunta Regionale: nel Piano Regionale Rifiuti l’obiettivo del 65% viene spostato al 2020 (se Maometto non va alla montagna…)!
Fanno peggio di noi solo Lazio, Basilicata, Puglia, Molise, Calabria, Sicilia!
Comuni con RD>65% 11 su 236, pari al 5%.

– Frazione organica raccolta pro-capite:
In Liguria solo 34 kg/ab, mentre in Italia 85 kg e nell’Italia settentrionale 108 kg.
– Quantità di RD pro-capite:
In Liguria solo 176 kg/ab, in Italia 205 kg e in Italia settentrionale 266 kg.

– Rifiuti trattati in impianti di compostaggio:
In Liguria sono passati da 28.470t nel 2010 a 15.840t nel 2011 cioè diminuiti del 44%.
In Campania da 26.888 t nel 2010 a 38.091 nel 2011 cioè aumentati del 42%.
Frazione organica compostata sul totale RSU: 6%.

– Costo pro-capite:
In Liguria 185 €/ab, in Italia 157 €/ab.

– Impianti di recupero delle frazioni raccolte in modo differenziato in Liguria:
Solo 6 impianti di trattamento sono in Liguria: per l’organico LKE srl servizi e tecnologie GE, Beusi srl IM, Green Recycling srl SV, Verde Liguria Riciclaggi SV, ACAM ambiente spa SP; per il vetro Saint Gobain spa SV; gli altri 60 sono in altre regioni: Piemonte, Lombardia, Veneto, Toscana, Friuli, Emilia, Valle d’Aosta.

A tutta questa situazione di arretratezza pone rimedio il nuovo Piano regionale Rifiuti?
A nostro parere non c’è una decisa volontà politica di voler puntare al recupero della materia, in quanto, al di là delle buone intenzioni dichiarate di voler rispettare le Direttive Europee, gli obiettivi concreti e gli strumenti presi in considerazione sono insufficienti, mentre si punta come soluzione al recupero di energia tramite massiccia produzione di Combustibile Solido Secondario (CSS). Per approfondire vedi Osservazioni del Coordinamento ligure GCR e Osservazioni comuni.

Ma, come ha detto Rossano Ercolini il 10 agosto a Finale Ligure, “un cambiamento nelle amministrazioni regionale e comunali è indispensabile, o ci salviamo tutti o non si salva nessuno”.
Leggi l’intervista a Rossano cliccando QUI.

Rossano Ercolini presenta il suo nuovo libro.

Ercolini_Finale_10ago2014Siamo lieti di rilanciare l’evento organizzato dalla libreria Cento Fiori col patrocinio del Comune di Finale Ligure:

domenica 10 agosto alle ore 21:15 sul lungomare di Finalmarina, Rossano Ercolini presenta il suo nuovo libro

Non bruciamo il futuro“.

Ulteriori info in locandina, cliccando sull’immagine.

 

Rossano Ercolini è un maestro elementare in un piccolo comune della Toscana, in provincia di Lucca. Quando viene a conoscenza dei piani per la costruzione di un inceneritore a pochi chilometri dalla sua scuola, per il bene del territorio e la salute dei suoi giovani alunni decide di intervenire. Fonda così l’associazione «Ambiente e Futuro», con l’obiettivo di informare la comunità dei rischi ambientali dell’incenerimento e di proporre strategie alternative per la gestione dei rifiuti. Seguono anni di battaglie durissime durante i quali Ercolini sfida apertamente gli apparati politici e i poteri economici locali e nazionali. Ma alla fine le sue ragioni hanno la meglio e nel 2007 il comune di Capannori è il primo in Italia a adottare la strategia Rifiuti Zero, diventando in poco tempo il centro di un movimento straordinariamente vitale che, da Napoli a Milano, coinvolge ora sempre più cittadini e tanti amministratori. Nell’aprile del 2013, per questo suo impegno come attivista e educatore, Rossano Ercolini riceve il Goldman Environmental Prize e viene invitato alla Casa Bianca dal presidente degli Stati Uniti Barack Obama.
Non bruciamo il futuro è la testimonianza fiera e coinvolgente di una battaglia decennale vinta contro poteri fortissimi. È la dimostrazione chiara e diretta delle enormi possibilità di un modo di fare politica nuovo e capace di organizzarsi dal basso. È anche uno straordinario manifesto educativo: in tutti questi anni l’autore non ha infatti mai smesso di insegnare. Rossano Ercolini è oggi il simbolo di un ambientalismo capace di incidere in maniera efficace nello sviluppo di un territorio, andando oltre le ideologie e gli schieramenti. Perché è solo con l’impegno di tutti a prendere parte al cambiamento che la democrazia respira e, con essa, prende vita la speranza di un futuro migliore. (Garzantilibri.it)

Rossano Ercolini a Varazze

Rossano Ercolini a Varazze

Mercoledì 22 gennaio alle ore 21:00 (vedi locandina) Rossano Ercolini esporrà i principi della strategia Rifiuti Zero presso il palazzetto dello sport di Varazze. L’incontro è organizzato dagli amici di Varazze Gente Comune e da Celle In Movimento; l’ingresso è libero.

 

(Il video della serata è disponibile cliccando qui).

Incontro con il Ministro Orlando sul percorso della LIP Rifiuti Zero

Una delegazione del comitato promotore della Legge di Iniziativa Popolare RIfiuti Zero ha incontrato il Ministro all’Ambiente Andrea Orlando per richiamare l’attenzione su questa proposta di legge ed i suoi contenuti.

Cliccando sull’immagine sotto, potrete leggere il comunicato elaborato a valle dell’incontro.

Orlando

Trashed, verso Rifiuti Zero: le prossime proiezioni in Liguria

E’ con piacere che comunichiamo le prossime date per la proiezione del docu-film Trashed:

Jeremy Irons in Trashed

Jeremy Irons in Trashed

11 ottobre ad Andora, presso Sala Parrocchia S. Maria, h. 20:30; (vedi locandina)

13 ottobre a Recco presso Sala Polivalente “Franco Lavoratori”, h.17:00; (vedi locandina)

13 ottobre anche a Finale Ligure, presso Teatro Parrocchiale Angelicum di Finalpia, h. 17:30; (vedi locandina)

15 ottobre a Genova, presso Circolo Autorità Portuale di Genova, h.20:15; (vedi locandina – Evento facebook)

17 ottobre a Genova-Sestri Ponente, presso Auditorium Manifattura Etica; (vedi locandina – Evento facebook)

18 ottobre a Bogliasco, presso Sala “Piero Bozzo”, h. 20:30; (vedi locandina – Evento facebook)

15 novembre a Noli presso Teatro De Ferrari h. 21:00;

22 novembre ad Albenga, presso Auditorium S. Carlo, h. 21:00;

L’ingresso alle proiezioni è gratuito, vi aspettiamo numerosi!

Dal Festival di Cannes 2012 – Selezione Ufficiale
Environmental Film Festival – Cinemambiente 2013 Torino
JEREMY IRONS in TRASHED (UK, 2012, 97′)
VERSO RIFIUTI ZERO
GUARDA il TRAILER!
un film di Candida Brady con le musiche di Vangelis

“Abbiamo il dovere di rivolgerci alle nuove generazioni distinguendo ‘qualità’ della vita da ‘quantità’ di vita. Speriamo che il film sappia dimostrare come cambiando il modo in cui viviamo le nostre vite saremo in grado di contribuire al nostro benessere e alla sopravvivenza del pianeta”. (Jeremy Irons)
“Un film impressionante, un monito per uscire dall’era sporca degli inceneritori e andare verso la civiltà dello spreco zero”. (Rossano Ercolini, vincitore del Goldman Environmental Prize 2013 per L’Europa).
Jeremy Irons ci conduce attraverso i cinque continenti, mostrando quanto l’inquinamento dell’aria, della terra e degli oceani stia mettendo sempre più in pericolo non solo la salute, ma la stessa esistenza del genere umano. Un film che è un feroce atto d’accusa nei confronti della grande economia mondiale, ma anche un forte incitamento alla lotta e al cambiamento.
TRASHED fa parte della Campagna Legge Rifiuti Zero 2020. Riscrivere il futuro oggi puoi.

Premi e riconoscimenti:
TRASHED ha vinto l’Audience Award Movies That Matter al Maui Film Festival 2012, lo Special Jury Prize presso il Tokyo Film Festival 2012, lo Special Docu al Fife International Environmental Film Festival 2013. Nel 2012 è stato selezionato al Sarajevo Film Festival, Planet in Focus Film Festival, all’Abu Dhabi Film Festival, al Rio de Janeiro Film festival, all’Espoo Ciné International Film Festival e al Raindance Film Festival, oltre al Festival di Cannes.

Zero Rifiuti ricchezza del futuro

Paul Connett  a Sarzana

Paul Connett a Sarzana

Lunedì 9 settembre alle ore 21. Sarzana, Sala della Repubblica (Pubblica Assistenza).
Il Comitato Sarzana, che Botta! organizza un incontro dal titolo:

Zero Rifiuti Ricchezza del Futuro.

Il diavolo brucia, Dio ricicla.


Paul Connet, padre della strategia Rifiuti Zero nel mondo, e Rossano Ercolini, premio Goldman per l’ambiente, spiegheranno agli scettici e ai virtuosi che l’utopia è necessaria.

I relatori:

Paul Connett
professore emerito di chimica ambientale e tossicologica alla St. Lawrence Univerty. Insignito del dottorato honoris causa in Scienze Naturali all’Università di Cambridge. Teorico della strategia “Zero Waste”, che sta seguendo in centinaia di città al mondo, da San Francisco a (di recente) Napoli. In 26 anni ha tenuto 2500 incontri in 54 nazioni e in 49 stati degli USA. Direttore esecutivo di Environmental Health Studies Project. Ama l’Italia, la Toscana, Napoli e il vino rosso.

Rossano Ercolini
presidente dell’associazione “ZERO WASTE EUROPE”, nonché coordinatore di “ZERO WASTE ITALY”. E’ stato insignito ad aprile 2013, negli Stati Uniti, del prestigioso “Goldman Environmental Prize 2013”, l’equivalente di un premio Nobel per l’Ambiente. Per questo motivo è stato ricevuto da Obama alla Casa Bianca. E’ responsabile del Centro di Ricerca Rifiuti Zero del Comune di Capannori e dell’Osservatorio sui rifiuti del Comune di Livorno. Ha fatto parte di vari gruppi tecnici istituiti da vari Comuni italiani che hanno aderito alla strategia Rifiuti Zero.

Enzo Favoino
Ha aperto a Sarzana la serie di incontri del Comitato sul tema dei rifiuti. Ricercatore della Scuola Agraria di Monza. Oggi aggiungiamo una nota alla sua biografia che abbiamo già pubblicato: lo scorso anno è stato uno dei relatori alla conferenza Strategia Rifiuti Zero al Parlamento Europeo. Già perché in Europa si guarda al 2020 con questo obiettivo. In Europa l’utopia va di moda. A lui è affidata la conclusione dei lavori.

Carlo Ruocco
Giornalista. Fu tra i primi a intervistare Paul Connet nel 1996 alla sua apparizione in Italia. L’intervista cadde nel bel mezzo del dibattito in corso alla Spezia sulla costruzione di un inceneritore di rifiuti “tal quale”. Connett fece piazza pulita delle garanzie dei politici spezzini sull’assoluta irrilevanza delle diossine e delle polveri fini. Da dieci anni stava già percorrendo il mondo lanciando la strategia Rifiuti Zero. Se alla Spezia l’inceneritore (di concezione già superata) non si fece fu anche per il prezioso contributo di questo scienziato.

Guarda il video della serata QUI